Peperone pronto da gustare busta Tenuta Fortunato

3,506,50

5 out of 5 based on 2 customer ratings
()

Peperone di Senise crusco pronto per la degustazione.

I Peperoni cruschi, il cui nome deriva dalla loro croccantezza (crusco in dialetto lucano significa croccante), sono una specialità della Basilicata. Hanno un gusto intenso ed avvolgente, uno snack salato derivato dalla lavorazione del Peperone dolce di Senise (IGP), un prodotto ortofrutticolo italiano a indicazione geografica protetta tipico della Basilicata. La lavorazione per far sì che il peperone diventi” crusco” è molto semplice, i peperoni vengono infatti essiccati al sole indiretto e poi fritti per pochissimi secondi in olio d’oliva Tenuta Fortunato dop. I peperoni cruschi Tenuta Fortunato sono quindi un delizioso snack molto stuzzicante, perfetto per un aperitivo rustico ci sta bene anche un bel bicchiere di vino locale naturalmente vino rosso Serra Petrae Azienda Agricola Tenuta o uno spuntino pomeridiano, si accompagnano bene anche con salumi, formaggi e con molti primi piatti lucani a base di pasta locale, come i raskatielli (cavatelli), le tapparedd’ (orecchiette) i frizzul’ (i ferretti lucani) e i senisar ( strascinati) condita con qualche peperone sminuzzato e con una spolverata di mollica di pane abbrustolita condita con la polvere di peperone di Senise Tenuta Fortunato. I peperoni cruschi  Tenuta Fortunato possono essere serviti come antipasto o come contorno, insieme a delle patate, per carni arrostite e baccalà in umido. Non è raro che vengano presentati anche insieme a legumi, uova,  e verdure. Si possono conservare per alcuni mesi in un vasetto di vetro a chiusura ermetica.

Ingredienti:

  • peperoni dolci di Senise Tenuta Fortunato; olio d’oliva dop Tenuta Fortunato; uno spicchio d’aglio; sale
Svuota
Per info chiama tel (+ 39) 339.66 82 479 o scrivi a ecommerce@tenutafortunato.com.

Descrizione del prodotto

Tra le meraviglie culinarie spicca senz’altro il noto Peperone di Senise che nel 1996 ottiene il marchio Indicazione Geografica Protetta. Il peperone è un ortaggio arrivato dall’America grazie a Cristoforo Colombo ma in Basilicata, le tracce della coltivazione di peperoni simili a quelli di Senise risalgono al periodo tra il XV e XVI secolo, durante la dominazione degli spagnoli che lo importarono dalle Antille. Viene coltivato nell’area di Senise, piccolo comune di settemila anime in provincia di Potenza, alle pendici del Parco Nazionale del Pollino. Pur ricordando esteticamente il peperoncino piccante per la forma conica e il colore rosso, in realtà, ha un sapore dolce e una polpa poco acquosa che lo rende adatto ad essere essiccato. Una volta raccolti vengono sistemati, per due o tre giorni, su tele di stoffa o su reti all’interno di locali con poca luce, asciutti e ben ventilati. Trascorso questo tempo, si procede a confezionare, con ago e spago, le “serte” ossia le tipiche trecce lunghe 1,5/2 metri chiamate in dialetto anche “sert i zafaran”, messe ad essiccare al sole indiretto fino a quando il contenuto in acqua non si attesti sul 10-12%. A differenza dei contadini lucani, i quali si limitano alla tradizionale disidratazione all’aria aperta, le aziende effettuano anche un ulteriore passaggio in forno, seguendo quanto dispone il disciplinare di produzione dei peperoni a Indicazione Geografica Protetta. Ogni vicolo, stradina o terrazzino di Senise è adornato dalle lunghe e folcloristiche collane o serte rosse di peperoni, un tempo si potevano acquistare solo dai contadini locali, da inizio autunno in poi, oggi il peperone di Senise viene venduto in tutto il mondo attraverso qualsiasi canale di vendita. Questo peperone viene commercializzato fresco, secco ed in polvere. Tra Febbraio e Marzo viene seminato in semenzai all’aperto o in serre e tra Aprile e Maggio viene piantato, mentre ad agosto è pronto per la raccolta. Diverse sono le modalità di utilizzo e preparazione del Peperone di Senise. Lo “Zafaran” è invece il peperone frantumato e ridotto in polvere. Può essere dolce o piccante, a seconda del peperone, e viene usato nella cucina lucana per condire pietanze e salumi. Soprattutto nella preparazione dei salumi lucani, il peperone di Senise garantisce gusto, colore e qualità. Oltre alla bontà e alla versatilità in cucina, i peperoni di Senise vantano anche ottime proprietà nutritive. Accanto alle vitamine A, E, K, e PP, infatti, essi contengono il 30% in più di vitamina C rispetto alle altre varietà.

La famiglia Fortunato di origini Lucane da parte di padre e  Calabresi da parte di madre, ha da sempre posseduto terreni vocati alla semina di cereali, oliveti e vigneti situati a Senise in Basilicata  per circa 80 ettari e a Rossano Calabro dove vengono coltivati agrumi e olive per altri 10 ettari . Ma proprio alla fine degli anni 2000 i fratelli Enzo e Paolo nati e vissuti da sempre a Roma  nonostante i loro impegni di lavoro, decidono contemporaneamente di riprendere in mano la tradizione famigliare e di intraprendere la strada di imprenditori agricoli impiegando le loro risorse nella produzione di agrumi, olive, cereali e vino ed ecco che nasce l’Azienda Agricola Tenuta Fortunato. Nel 2004 decidono di ristrutturare l’antico casolare che ben presto diventa l’Agriturismo Tenuta Fortunato arroccato su una collinetta detta Serra della Pietra in Basilicata alla periferia di Senise (Potenza) nel Parco Nazionale del Pollino affacciata sull’invaso di Monte Cotugno il più grande d’Europa in terra battuta. Sotto l’attenta direzione di Paolo e in seguito affiancato dalle figlie Laura e Claudia l’azienda raggiunge subito un ottimo livello qualitativo, che viene ben presto apprezzato in tutta Italia e non piu’ soltanto dai clienti dell’agriturismo. Ed è così che l’azienda ha deciso di coltivare anche i famosi peperoni di Senise, curati e raccolti rigorosamente “a mano” per preservare i valori contadini di questa terra trasformandoli anche in dolci di cioccolato fondente come i Cruschò, i Cremini e le tavolette e ancora nella spezia per eccellenza come la polvere detta “zafaran psat” e nei famosi peperoni cruschi ( croccanti). La fusione della tradizione famigliare decennale e della continua tensione verso il miglioramento sono ben espressi dalla nuova generazione Fortunato. Le figlie Laura e Claudia sono ora determinate a far continuare nel tempo i valori cardine della loro azienda.

Altre informazioni

Grammatura

gr.20, gr.40

2 recensioni per Peperone pronto da gustare busta Tenuta Fortunato

  1. 5 di 5

    :

    il mio snack salato preferito!Ottimi!

  2. 5 di 5

    (proprietario verificato):

    Decisamente fuori dal comune. Eccellenti.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *